Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Anche i ricchi rubano

Anche i ricchi rubano

Disponibile in ebook

 

 

 

Le persone di potere compiono reati gravissimi, a volte su larga scala e con un numero indefinito di vittime. Eppure quasi mai vanno in carcere. Il sostituto procuratore della Repubblica Elisa Pazé spiega la disparità di trattamento nella giustizia fra poveri e ricchi.


Anche i ricchi rubano. E imbrogliano, e uccidono. Lo fanno nelle forme più disparate: inquinando le acque e il suolo, sfruttando gli operai, non rispettando le regole di sicurezza sul lavoro dei dipendenti, vendendo ai risparmiatori prodotti finanziari farlocchi... Alla base dei reati dei ricchi – come di quelli contro il patrimonio commessi dai poveri – c’è una motivazione economica. I crimini dei ricchi hanno la stessa sistematicità dei reati di strada: esattamente come chi spaccia o commette furti seriali, l’imprenditore che paga mazzette lo fa ogni volta che gli si presenta l’occasione. Eppure ai ricchi si perdona, e si condona, qualsiasi cosa. I loro delitti godono, se non di vero e proprio consenso sociale, di un certo grado di acquiescenza. Questo libro propone una rilettura di alcuni settori del nostro ordinamento, mostrando alcune ingiustizie nella legge e nella sua applicazione.

Prezzo: 14,00 €

Loading Aggiornamento carrello...

Elisa Pazé

Elisa Pazé è magistrato e sostituto presso la Procura della Repubblica di Torino, dove si occupa di reati economici. Sulle diseguaglianze nel trattamento penale ha già pubblicato Giustizia, roba da ricchi (Laterza, 2017).
Tutti i libri di Elisa Pazé


cookie policy